Autoradio: alla scoperta delle onde

Autoradio: alla scoperta delle onde

L’autoradio è in grado di captare onde radio e convertirle in onde sonore. L’autoradio in sostanza è divisa in due parti: la prima è destinata a captare le onde elettromagnetiche e la seconda a diffondere le onde sonore.

Il meccanismo dell’autoradio

L’autoradio è costituita da valvole che hanno il compito di amplificare centinaia di migliaia di volte i segnali di entrata e a potenziare quelli di uscita. Le valvole destinate all’amplificazione dei segnali radio vengono dette amplificatrici radio e quelle per l’amplificazione del suono, amplificatrici audio. La trasformazione dei segnali radio in segnali audio avviene a mezzo della valvola rivelatrice.

I transistor hanno funzione del tutto analoga alle valvole: presentano il vantaggio di un ingombro molto più ridotto e di una minor fragilità, ma hanno una capacità amplificatrice più ridotta, sicché, a parità di potenza, il numero dei transistor è sempre superiore a quello delle valvole. Le autoradio din possono avere una sola valvola (che consta di due parti: una rivelatrice radio e una arrolificatrice audio) e via via un numero sempre maggiore di valvole.

Elemento indispensabile in ogni caso è sempre l’antenna; anche quando apparentemente si ritiene che l’apparecchio ne sia privo, perché la stessa è stata staccata, la funzione di antenna può essere svolta dai fili conduttori presenti all’entrata dell’apparecchio.

Le valvole dell’autoradio

Gli apparecchi ad altoparlante debbono avere almeno come minimo tre valvole. Aumentando il numero delle valvole oltre un certo limite, la sensibilità dell’apparecchio risulta eccessiva ponendolo in grado di captare anche i più piccoli disturbi esterni e rendendo meno comprensibile l’ascolto. I radioricevitori possono essere classificati in due categorie principali: quelli in cui la amplificazione viene effettuata sulla frequenza in arrivo (ad amplificazione di frequenza) e quelli in cui la frequenza vien cambiata in un’altra frequenza prima della amplificazione e rivelazione.

Questi ultimi, decisamente più impiegati per la loro sensibilità, selettività e fedeltà e basso coefficiente di rumore, vengono detti a conversione di frequenza o supereterodine. I comandi vengono effettuati mediante una apposita tastiera costituita di un interruttore-rete per l’accensione e lo spegnimento che generalmente è abbinato al regolatore di volume, dal regolatore di tono, dal commutatore per onde medie (a modulazione di ampiezza) e per onde ultracorte (a molulazione di frequenza).

Dal regolatore di sintonia per la ricerca della stazione: quest’ultimo comando può essere anche realizzato mediante un certo numero di tasti che spostano automaticamente la sintonia su un determinato numero di stazioni, per le quali l’apparecchio è stato preventivamente regolato. Altri accessori, di cui possono essere provviste le autoradio, sono gli altoparlanti supplementari.