Tecnologia

Funzionamento di un robot da cucina

Funzionamento di un robot da cucina

I robot da cucina sono utili per tutte le donne che amano preparare qualsiasi cosa ai fornelli e che – mediante l’uso di queste macchine – possono trovare un valido assistente. Si tratta di macchine che consentono di cucinare qualsiasi cosa in modo semplice e veloce e, spesso, riuscendo anche ad ottimizzare i costi della spesa.

I vantaggi di un robot da cucina

Il vantaggio principale dei robot da cucina consiste sicuramente nella capacità che offrono di risparmiare tempo anche quando si preparano ricette complesse. In effetti, tutti quei procedimenti che – tradizionalmente – richiedono l’impiego di tempo e fatica come grattugiare il formaggio, montare gli albumi delle uova, ma anche impastare la pasta o tritare qualsiasi ingrediente, con un robot da cucina si possono eseguire in pochissimi secondi. I vantaggi del robot da cucina, inoltre, sono anche economici.

Con un robot da cucina, infatti, si possono cucinare cose che – in genere – si acquistano direttamente in salumeria, come le salse, lo yogurt ma anche i succhi di frutta e la pasta: in tutti questi casi, un robot da cucina migliore consente di risparmiare davvero molti soldi ma anche di gustare prodotti fatti in casa, quindi più genuini rispetto a quelli commercializzati. Tra i vantaggi più importanti di un robot da cucina, tuttavia, c’è sicuramente quello che riguarda la salute. Queste macchine, in effetti, consentono di seguire una dieta più sana dal momento che tutte quelle in commercio prevedono la possibilità di cuocere i cibi a vapore che, come tutti sanno, rappresenta la modalità di cottura ideale per mantenersi in forma.

Inoltre, un robot da cucina è l’ideale per tutte le donne che amano preparare più cose contemporaneamente e che spesso non lo fanno per mancanza di spazio. Con un robot da cucina, in effetti, si possono cucinare diverse pietanze senza dover sporcare decine di pentole; per questo un altro vantaggio riguarda anche il lavoro domestico per cui non sarete costrette a lavare ed asciugare un’infinità di pentole.

L’assistente in cucina per le donne

Non tutte le donne guardano con favore i robot da cucina dal momento che non ne concepiscono l’utilità visto che sanno cucinare anche senza. In realtà, utilizzare un robot in cucina non significa ammettere di non saper cucinare; al contrario, un robot è l’ideale proprio per le donne che sanno cucinare bene e che desiderano sperimentare ricette sempre nuove, magari più complesse e prelibate.

In effetti, alcune ricette per cui tradizionalmente è necessario passare molte ore in cucina, possono essere preparate in poco tempo grazie ad un robot. Un esempio? E’ sufficiente pensare a tutte le ricette a base di pesce, per non parlare poi di quelle dedicate al reparto dolci per cui spesso si impiegano ore solo per preparare la pasta. Utilizzare un robot da cucina, quindi, offre vantaggi innumerevoli, sia pratici che economici. Provare per credere!

Componenti di un impianto fotovoltaico

Componenti di un impianto fotovoltaico

Un impianto di energia fotovoltaica nasce con l’obiettivo di ottenere energia sfruttando la luce del sole. Da un punto di vista ingegneristico, l’impianto fotovoltaico è complesso; ma da un punto di vista meramente pratico non lo è.

Gli impianti fotovoltaici isolati, connessi e ibridi

In generale, esistono almeno tre tipi di impianti fotovoltaici: ad isola, gli impianti connessi e quelli ibridi. Gli impianti fotovoltaici ad isola sono così definiti perché non distribuiscono l’energia prodotta attraverso una rete ma la impiegano sul posto stesso in cui sono installati. Pertanto, l’impianto in questo caso accumula energia dal sole, la trasforma in energia elettrica e la impiega sul posto stesso dopo averla accumulata in un’apposita batteria.

Gli impianti connessi, come si deduce già dal nome, sono quelli che accumulano energia dal sole, la trasformano in energia elettrica e successivamente la distribuiscono altrove mediante un apposito distributore di energia. Infine, ci sono gli impianti fotovoltaici ibridi che creano energia sia mediante l’accumulo di energia solare che mediante energia elettrica.

Si chiamano ibridi perché funzionano in entrambi i modi: pertanto, qualora l’accumulatore di energia solare fosse esausto o poco funzionante continuerebbero a generare energia elettrica mediante la rete a cui sono connessi.

Com’è fatto un impianto fotovoltaico?

Un impianto fotovoltaico è formato da diverse componenti. Innanzitutto c’è un campo fotovoltaico che serve a catturare i raggi solari; c’è una batteria che è anche conosciuta come accumulatore, che serve appunto ad accumulare l’energia solare. La durata di una batteria connessa ad un impianto è variabile ma è possibile garantirne una durata maggiore affiancando alla batteria anche una centralina che ne consente il funzionamento impianto fotovoltaico corretto in caso di guasto oppure di esaurimento spazio.

Un impianto fotovoltaico che si rispetti, poi, è dotato anche di un sistema di domotica che è in grado di produrre l’energia valutando le circostanze contingenti e, pertanto, è in grado di trasferire energia ai pannelli solari o alle pale eoliche a seconda delle circostanze climatiche (se c’è vento, è conveniente utilizzare le pale eoliche’ o materiali ( se la batteria dell’impianto è carica conviene smistare direttamente l’energia attraverso la rete elettrica). I vantaggi di un impianto fotovoltaico sono numerosi e vanno considerati soprattutto nel lungo periodo.

In ogni caso, la qualità di un impianto deve essere garantita dall’affidabilità del produttore ma anche dalla scheda tecnica dell’impianto. Solo all’interno della scheda tecnica, infatti, sono racchiuse le garanzie sulle prestazioni, sugli eventuali difetti di produzione ma anche su eventuali cali di rendimento in relazione alle condizioni climatiche che sono necessarie per un impianto fotovoltaico di buona qualità.

Centrale elettrica a energia solare più grande del mondo

Centrale elettrica a energia solare più grande del mondo

La Ivanpah Solar Power Facility è una nuova centrale termoelettrica a energia solare, la più potente al mondo, e si trova nel deserto del Mojave, negli Stati Uniti Occidentali. La struttura, che si compone di tre avanzatissime centrali, sorge a 64 chilometri a sud ovest di Las Vegas e ha una capacità produttiva di 392 megawatt. Si tratta di un vero e proprio tripudio di tecnologia e ingegneria umana che trova, nel cuore del deserto, una delle più felici applicazioni.

I numeri della centrale elettrica ad energia solare Icanpah

Ivanpah riesce a produrre così tanta energia sfruttando la luce solare riflessa da ben 170.000 eliostati (specchi che seguono lo spostamento della nostra stella durante il giorno). Così tanti specchi occupano una quantità di spazio rimarchevole: oltre 1.400 acri di terreno sono stati dedicati alla zona di ricezione energetica e quindi la quantità di calore che viene dirottata sui boiler in cima alle tre torri di sostegno è veramente enorme. Nei boiler l’acqua viene istantaneamente convertita in vapore ad alta pressione che va ad alimentare le turbine dei generatori elettrici, come spiegato qui di fianco. La costruzione della centrale di Ivanpah è iniziata nell’ottobre p2010 per diventare operativa alla fine del 2013, quando ha iniziato a contribuire alla fornitura elettrica della California.

Eco, ma mai abbastanza! La realizzazione del complesso di Ivanpah, però, non è stata tutte rose e fiori. Nonostante l’impronta ecologista del progetto fosse molto forte, alcune organizzazioni di ambientalisti lo hanno comunque osteggiato perché è stato realizzato su un territorio che aveva un suo ecosistema (come tutti quelli della Terra, del resto). In particolare, è stato necessario spostare più di 200 tartarughe del deserto con un costo medio per animale di oltre 55.000 dollari.

Come funziona la centrale Ivanpah?

Dagli eliostati alla rete elettrica, come fa la centrale di Ivanpah a produrre così tanta energia? Il passaggio numero uno riguarda l’eliostato: dagli specchi motorizzati che sono controllati da un computer, infatti, la luce solare vene catturata e proiettata verso i boilei in cima alle torri di sostegno; dal boiler in cima alla tosse riceve il calore di tutti gli specchi e trasforma in vapore l’acqua che è contenuta nell’impianto.

Successivamente il vapore viene trasportato, tramite il conduttore, fino alle turbine generatrici; a questo punto, il calore necessario all’azionamento delle turbine viene immagazzinato per l’uso nelle ore notturne e l’elettricità prodotta viene immessa nella rete elettrica che, a sua volta, la smisterà dove è necessario.